Il capo ufficio: pregi e difetti

Il capo ufficio: pregi e difetti

È noto da tempo che l’andamento di un’organizzazione dipende sì dalle qualità del capo ma anche e soprattutto da quelle dei suoi collaboratori. Del resto un’organizzazione è fatta di persone e il saperle gestire bene comporterà sicuramente risultati positivi.

 

È anche a partire da questi presupposti che si è sviluppata l’iniziativa promossa da Leitz – marchio di Esselte: “azienda leader mondiale nel mercato dei prodotti per l’ufficio”– denominata “Sei in sintonia con il tuo capo?” e riservata a segretarie, assistenti di direzione e office manager di tutta Italia. Il sondaggio è stato svolto su un campione di aziende italiane che si occupano di svariati settori, non solo della vendita mobili per ufficio.

 

Dal 1° marzo al 30 aprile, i circa 1000 partecipanti (75% donne e 25% uomini) alla suddetta ricerca sono stati interrogati sulla qualità del rapporto lavorativo con il proprio capo, e sul grado di correlazione tra sintonia sul posto di lavoro e l’efficacia e la produttività raggiunte. Le risposte sono state davvero sorprendenti.

 

Il primo dato emerso è che, nonostante la tendenza del mondo di lavoro ad orientarsi verso la flessibilità, i rapporti professionali sono in realtà caratterizzati da una forte e crescente stabilità: il 37% degli intervistati dichiara, infatti, di aver lavorato nella stessa azienda per più di 10 anni e il 27% addirittura con lo stesso capo.

 

A conferma di ciò, si possono prendere le risposte alla domanda “Cosa mancherebbe al tuo capo se tu non ci fossi più?”. A differenza di quanto si potrebbe pensare, non sono le competenze professionali ad essere ritenute capaci di garantire un rapporto professionale tranquillo, bensì le capacità organizzative e di problem solving, il senso pratico e la memoria storica (28%). Per il 20% dei votanti, poi, sono i tratti caratteriali, fedeltà, lealtà, affidabilità, riservatezza, ad essere ritenuti indispensabili e a garantire la sintonia con il proprio capo.

 

Le qualità del capo che favoriscono maggiormente la nascita e il proseguimento di un rapporto professionale proficuo per entrambe le parti sono innanzitutto la preparazione e l’esperienza (30%), poi l’intelligenza (22%) e l’educazione (17%). Purtroppo, cari capi che state leggendo questo articolo, la simpatia e lo stile sono, invece, poco apprezzati: solamente per un 6% e 5% queste qualità sono ben viste.

 

E quali sono, invece, i difetti del capo, capaci di compromettere un rapporto professionale?
Secondo le segretarie italiane, al primo posto ci sarebbe la presunzione, seguita a stretto giro dalla maleducazione e dall’avarizia, mentre solo per il 10% di loro vengono mal tollerate le scarse competenze professionali.

 

L’ultimo aspetto interessante da analizzare è quello riguardante gli argomenti tabù da affrontare con il proprio superiore. La palma d’oro va al blocco “critiche, consigli e osservazioni su alcuni aspetti del carattere del capo”, seguito dalla classica “richiesta di aumenti e di benefit”. Il 10% punta il dito contro le “lacune professionali” dei propri dirigenti mentre l’11% vorrebbe semplicemente poter inveire liberamente e senza conseguenze, dando sfogo alla propria frustrazione, contro il proprio capo.

 

In generale ciò che è emerso dalla ricerca è che la maggioranza dei partecipanti ha dichiarato di sentirsi in sintonia con il proprio boss e addirittura il ha sostenuto di vivere praticamente in simbiosi con lui, mentre solo un misero 8% non ha nessuna affinità con il suo superiore.

 

Cari responsabili, da domani mattina lasciate a casa la vostra presunzione e la vostra arroganza e portate con voi al lavoro solamente la vostra intelligenza, le vostre capacità professionali, l’educazione, la gentilezza e la pazienza. Potrete costruire così un’organizzazione tendente ad una perfetta efficienza e ad una produttività elevata.

Un video divertente, che impazza in rete, racconta proprio la differenza tra l’ufficio del capo e l’ufficio del dipendente, per vederlo clicca qui.

About the author

Articoli correlati

Al Salone Ufficio tre nuovi settori da esplorare

Dopo il giro di boa dei 15 anni, il Salone...

L’ufficio del futuro per Saloneufficio.com è sempre più tecnologico

Nel definire la progettazione e la produzione dei nuovi mobili...

Per concentrarti in ufficio metti un po’ di musica!

Hai problemi di concentrazione durante la tua giornata lavorativa in...

Theme Settings