Divisione ufficio: i consigli dell’architetto per dividere gli spazi

Divisione ufficio: i consigli dell’architetto per dividere gli spazi

Quando ci si appresta ad arredare un ufficio ed a dividerne gli spazi, l’impreditore si trova a dover scegliere tra diverse soluzioni: divisioni in muratura, cartongesso oppure con pareti attrezzate e divisorie (pareti mobili).
Per quanto riguarda l’aspetto esteriore e quindi il risultato a livello di immagine, è noto che le pareti mobili garantiscano un risultato decisamente migliore, infatti, offrono una vasta gamma di soluzioni e sono veri e propri elementi di arredo. Il risultato che si ottiene, grazie all’utilizzo di materiali pregiati come l’alluminio, il cristallo e finiture in legno anche ricercate, non è paragonabile a quello che si può ottenere con il cartongesso o con le classiche pareti in muratura.

 

Il consiglio, dal punto di vista estetico, è scontato e riconosciuto ormai da tutti: le pareti mobili, oggi sono la migliore soluzione.
In questo post vorrei quindi parlare del fattore spesso primario nella scelta è cioè il prezzo. Ma visto che parliamo di opere che durano nel tempo, più propriamente, parlerei di investimento.

 

Infatti è riduttivo prendere in esame esclusivamente il costo iniziale. L’imprenditore attento valuta l’investimento proiettato nel medio e lungo periodo.
Naturalmente il costo iniziale è normalmente a vantaggio delle pareti in cartongesso o in muratura, ma vediamo i vantaggi delle pareti mobili:

MODIFICHE DI LAYOUT E RICOLLOCABILITA’. Con le pareti mobili è possibile farlo riutilizzando tutto il materiale, con il solo costo di mano d’opera; le pareti in cartongesso o muratura devono essere demolite, smaltite e ricostruite. Inoltre, spesso, devono essere rifatti pavimenti e controsoffitti;
SPESE DI MANUTENZIONE. Si deve calcolare, nel tempo, per cartongesso e muratura, dei costi per la riverniciatura. I pannelli in melaminico hanno una vita media di 25/30 anni;
ELETTRIFICAZIONE. Nelle pareti mobili gli impianti possono essere alloggiati all’interno ed ispezionati o modificati in qualsiasi momento, nella muratura e cartongesso, per ogni integrazione o modifica, devono essere rotti e riparati;
ARCHIVIAZIONE. Con le pareti attrezzate come elementi di divisione, si evita l’acquisto di arredo (armadi);
SMALTIMENTO. Le pareti mobili sono prodotte con materiali riciclabili, mentre muri e cartongesso devono essere smaltiti in discarica.

 

La conclusione di quanto detto è quindi scontata, arredare l’ufficio con le pareti attrezzate e divisorie è un MIGLIORE INVESTIMENTO!

About the author

Articoli correlati

Alla scrivania per ufficio con il pancione: come gestire la gravidanza e il lavoro

Continuare a lavorare in ufficio anche durante il periodo di...

Acquisti online, comodità e risparmio

In Italia il mercato elettronico è in forte espansione e,...

Web e vendita online: ecco una generazione esperta!

La generazione dei cosiddetti “Millennials” comprende tutte le persone (come...

Theme Settings